Consigli del dentista

Sfoggiare un sorriso sano e luminoso fa sempre un certo effetto. Per questo il tuo dentista può aiutarti ad avere denti bianchi e curati partendo da un’analisi personalizzata. Sarà lui a consigliarti, infatti, il trattamento più adatto alle tue esigenze. Ma esistono particolari casi in cui è meglio evitare di sottoporsi allo sbiancamento dentale. Scopriamoli insieme in questa breve panoramica sull’argomento

Come avviene lo sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è un trattamento che può essere effettuato sia presso uno studio dentistico che a livello domiciliare. Questa tecnica consiste nell’impiego di perossidi, ossia sostanze in grado di degradare i cromogeni dentali responsabili dei denti gialli, per donare una tonalità più chiara al tuo sorriso.

Sbiancamento o igiene dentale?

Per capire se è il caso di ricorrere a una seduta di sbiancamento dentale bisogna capire se i denti hanno realmente cambiato la loro tonalità naturale o se sono semplicemente macchiati.

Ad esempio, potrebbero essere anneriti o sporchi. Qui è necessario ribadire che lo  sbiancamento può essere effettuato solo dopo una seduta di igiene dentale e non può sostituirne l’efficacia.

Quest’ultima ha una finalità curativa: serve, cioè a eliminare il tartaro, a differenza dello sbiancamento che ha una finalità estetica.

Chiedi consiglio al tuo dentista: il team di professionisti dello studio odontoiatrico Cafaro saprà indirizzarti verso la soluzione più giusta per te.

Sbiancamento e denti sensibili

Un’altro aspetto da non sottovalutare riguarda i denti sensibili.

Un uso scorretto dello spazzolino o l’assunzione di alimenti acidi, come agrumi e succhi di frutta, può causare l’abrasione dello smalto dei denti, rendendoli più sensibili. Anche alcune patologie come la parodontite possono agire in questo senso.

In questi casi è meglio evitare di effettuare una seduta di sbiancamento, prima di risolvere il problema della sensibilità dentale. Un possibile effetto collaterale di questo trattamento, infatti, è proprio la maggiore sensibilità dei denti al freddo e al caldo, che può causare dolore.

Occhio al colore naturale dei denti

Sapevi che anche il colore di partenza dei tuoi denti è determinante? Prima di sottoporti a una seduta di sbiancamento dentale, infatti, il tuo dentista effettuerà un test su una sola arcata dentale, per capire come procedere nel modo migliore.

Lo sbiancamento risulta più efficace sulla componente gialla dei denti, piuttosto che su una dentatura tendente al grigio.

In ogni caso, affidati sempre ai professionisti per avere risultati impeccabili.

Sorridere spesso è un ottimo biglietto da visita e la differenza si vede subito.

Prenota ora la tua visita dallo Studio Odontoiatrico Cafaro e ci prenderemo cura del tuo sorriso.

 

CTA per con link alla pagina contatti

cafaro
About Gerardo Cafaro

Il Dott. Gerardo Cafaro vanta una laurea in odontoiatria e protesi dentaria conseguita presso l’Università degli Studi di Siena nel 2004. Dopo la laurea, ha frequentato il corso di perfezionamento in conservativa estetica dal titolo “Il restauro conservativo dei denti anteriori e latero-posteriori” tenuto dal Dott. Lorenzo Vanini a Milano. Tra il 2005 e il 2006 ha conseguito il Master di II livello all’Università degli Studi di Siena. Le lezioni del Master erano tenute dal Dott. Andrea Gesi. Nel 2007 ha frequentato il corso di perfezionamento avente come tema le faccette in ceramica Lumineers.

24 Mar, 2020

ATM e le sue disfunzioni

Sempre più spesso si presentano pazienti che lamentano fastidi, rumori e dolori alla mandibola, in particolar modo localizzati nella regione dell’articolazione. Le cause possono essere le più disparate: sindromi algiche… Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *